Google+

Pages

giovedì 30 luglio 2015

Mantovanine (biove), pane a pasta dura a lievitazione naturale

Il pane a pasta dura è uno dei più semplici da preparare, è indicato soprattutto a chi è alle prime armi con la panificazione. E' facile da impastare anche a mano poichè poco idratato, quindi adatto a chi magari è in vacanza e vuole prepararsi il pane (anche se ne dubito fortemente :-D ).
Il risultato ottenuto è un pane dalla crosta sottile e dalla mollica "ovattata", la morte sua (per me) è con i salumi.
Ottimo da congelare e si prepara in giornata, con queste temperature africane in poche ore è pronto.

Inserisco le dosi sia per chi usa il lievito di birra che per chi usa la pasta madre. Io, come al solito, ho utilizzato il mio licoli (pasta madre in coltura liquida) e il risultato è eccezionale.




Ingredienti per 8 panini da 80 grammi circa (prodotto finito):


Con licoli:

550 grammi farina 0 260 W
300 grammi di acqua fredda
80 grammi licoli
1 cucchiaino di malto d'orzo
1 cucchiaio di strutto (alternativa 2 cucchiai di olio evo )
10 grammi di sale

Con pasta madre solida:

510 grammi farina 0 260 W
300 grammi di acqua fredda
110 grammi di pasta madre rinfrescata e al raddoppio
1 cucchiaino di malto d'orzo
1 cucchiaio di strutto (alternativa 2 cucchiai di olio evo )
10 grammi di sale

Con lievito di birra:

550 grammi farina 0 260 W
275 grammi di acqua fredda (se l'impasto risulta troppo secco aggiungerne un cucchiaio)
4 grammi di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di malto d'orzo
1 cucchiaio di strutto (alternativa 2 cucchiai di olio evo )


Preparazione:

Setacciare tre volte la farina.

Con il licoli , impastare tutti gli ingredienti eccetto il sale e lo strutto che verranno aggiunti solo alla fine .

Con pasta madre e lievito di birra, sciogliere la pm/ ldb nell'acqua e poi mescolare tutti gli ingredienti , aggiungendo sale e strutto alla fine.

Il risultato è una massa compatta, senza grumi , a volte leggermente porosa. Questa operazione richiede pochissimo tempo.
Coprire l'impasto con pellicola o con un panno di cotone e lasciare riposare due ore.
Dividere l'impasto in 8 parti uguali ( io ne ho fatti anche di piccini, 50 grammi l'uno dividendo il rotolino in due parti con il dorso di un coltello). Stendere ogni pallina con il mattarello cercando di ottenere una forma rettangolare , arrotolare su se stesso. Girare il rotolino in verticale, ristendere con il mattarello e riarrotolare su se stesso.



Poggiare i rotolini su carta forno o su un panno di cotone ben infarinato con della semola, coprire e lasciare lievitare. Vi accorgerete dell'avvenuta lievitazione quando le pieghe del salamino quasi scompariranno (vedi foto).



Riscaldare il forno a 200° , praticate un taglio al centro con una lametta o un taglierino (profondità 1 cm). Spruzzare un po' d'acqua sulle mantovanine, cuocere per 10 minuti a 200 ° e proseguire per 15 minuti a 180°.



Se la pezzatura è di 50 grammi, cuocere a 200° 5 minuti e a 180° 15 minuti.
Lasciare raffreddare su una teglia , consumare o congelare.

2 commenti:

  1. Well done! Looks so delicious!

    RispondiElimina
  2. Yeah, they "were" very yummy!! Thanks so much for the visit.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...